Poesie inedite di Roberta Borgia

 

1)

C’è questo non dire. Si professa

la mattina alle quattro, prima ancora

 

che il caffè sostenga ogni morso d’aria.

La luce non risale la china e già

 

anticipa la sua idea del mondo. E il

momento della compassione, dell’aura

 

che contrasta la memoria dell’inferno.

Tocca al giorno vagliare le difese.

 

2)

Cosa accade?

Il lampo palesa la notte.

Pre-vede.

Allarme di chi non declina

nel buio.

Il ripiego più ambito è la fine.

Senza.

 

3)

Il tabacco ha dischiuso la porta di casa,

l’arroganza ridotta a cimelio. Una

bocca che sbocca di fumo e piacere.

Nulla che sia come il nulla che deve.

 

C’è un sapore: diffida del bianco e

del nero, la fragranza si evolve in respiro.

E sull’uscio mi guarda una donna col

velo, nulla che sia come il nulla che vedo.

 

Ma la porta che sbatte respinta dal vento

ammortizza il suo colpo in un volto di

morte: “Non ti voglio sospesa fra amante

e consorte”. Nulla che sia come il nulla che

 

è sorte. Il destino si prende la giacca e la casa

e la porta lo guarda e si mostra indifesa.

Non c’è tempo talvolta per bandire un’offesa.

Nulla che sia come il nulla che pesa.

 

“Roberta Borgia mette in gioco l’istinto di sopravvivenza per combattere l’inquietudine”, così scrive Franco Manzoni sul “Corriere della Sera”, parlando della poesia Roberta Borgia, la quale indaga, attraverso dei moti filosofici e lirici, i meandri dell’Io in continuo dialogo con i risvolti civili. Roberta Borgia è nata a Messina nel 1982. Nel 2019 è stata finalista al Premio Letterario Internazionale Città di Como. Nel 2020 ha pubblicato con Il Convivio Editore la raccolta di poesie “L’innocenza dell’ombra”, opera selezionata al Premio Camaiore e finalista al Premio Prestigiacomo.

 

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *