Naufrago è il sogno

Finalista per la silloge inedita al Premio Internazionale Senghor nel dicembre 2019, dopo ulteriore revisione e l’inserimento delle plaquette  “Benché non si sappia entrambi che vivere” e ” Forme d’ombra” (edite a Lugano da alla chiara fonte) è stato pubblicato da Ensemble nel febbraio 2020.

Le poesie sono per me (…) come boe in mare aperto.
Nuoto da una all’altra e in mezzo all’acqua, senza di
esse sono perduto. Le poesie sono punti di ancoraggio.
Anselm Kiefer

Ma chi l’avrebbe detto che intrecciare
le nostre mani un giorno fosse un sogno?
Pure fra noi si alza un vallo, orribile
ricordo di guerra.
Maria Luisa Spaziani

Di seguito tre testi contenuti nella silloge:

La vita gronda distanze
quando i giorni si pensano uniti
annuncia un passaggio di sguardi
somma orizzonti li piega alle rotaie

dove transitano vagoni confinano spazi
e tu spargi corpi li semini a spaglio
io vedo già muovere la falce
estinguo la voce perché l’abbraccio è muto

___________

Sui luoghi di passaggio
sposa la meraviglia
qui naufrago è il sogno

Se allunghi lo sguardo
i giorni avanzano
con i cannoni puntati

__________

Il metro è la distanza
viviamo nello scarto
ci consegna una parte d’infinito

l’orizzonte satellite di una confinata meta
il passo fermo su un’improbabile soglia

 

Naufrago è il sogno

 

https://www.ibs.it/naufrago-sogno-libro-giancarlo-stoccoro/e/9788868815974

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *