Smarrire il mondo

Smarrire il mondo non è come restare orfani avere un contatto fugace con l’assenza per un passaggio sbagliato di palla scrostare il muro di stanze bambine con lacrime di anni urgenti e lasciare migliaia di albe sole nei parchi Ti vedo camminare a passi incerti forse è ora di giocare sul prato forse hai bisogno …

Ho scritto tanto

Ho scritto tanto per non lasciare senza immagini il desiderio (La dimora dello sguardo, raccolta inedita 2015-2017)