Pensieri sulla poesia/ Le parole della poesia

Non abbiamo bisogno di testimoniare grandi assenze, a volte basta la nostra piccola e impareggiabile perdita dell’io.
Gli psichiatri troveranno subito la cornice più opportuna a garantire una diagnosi rassicurante per il mondo circostante.
I poeti, che in città si muovono ancora in tram, continueranno a prendere appunti e scenderanno probabilmente alla fermata sbagliata.
Se saranno fortunati, torneranno a casa a piedi, declamando tra sé e sé i loro nuovi versi.

——————————————————————————–

Le parole della poesia non dovrebbero mai essere troppo ospitali
lasciare la porta aperta, questo sì, ma non la tavola imbandita,
accogliere qualche domanda ma non rispondere a tutte.


Le parole della poesia

Le parole della poesia abitano il corpo, non stanno mai troppo a lungo sulla pagina; scendono in strada fulminee. Bighellonando un po’, sembrano passare di soglia in soglia e già si trovano oltre confine. Fanno orecchie da mercante e hanno occhi fragili che temono la luce. Prediligono il crepuscolo quando, silenziose e furtive come gatti, catturano le immagini. Mettendole a fuoco, si sgranano, per tornare a farsi carne nella ruga di un volto sconosciuto.
Così a me capita da quando ero piccolo. Ricordo la sorpresa, le parole che cambiano traccia. Giocavo a macchinine lungo il muretto nel giardino innevato di fresco. Un’immagine nitida, precisa, l’abbraccio di mio padre, scomparso da poco all’inizio dell’inverno più rigido della mia vita.
Non è più spesso il ricordo, non si taglia a fette come la nebbia, piuttosto squarcia la forma di un luogo ancora provvisorio.
I tempi della scuola, le cose da sapere bene prima di parlare, lasciano esangui le parole e riempiono di silenzio le stanze di casa.
E la poesia resta per anni rintanata nel bosco, intenta a forgiare strumenti di incondizionata resa.
La prima frase è sempre la più difficile, dicono alcuni, e questo è vero nelle interrogazioni e nei temi ma, nel verso che si professa libero, è quasi sempre l’ultima parola a non farsi trovare.
Si avvicina alla sosta del cuore, pianta la sua tenda in ogni dove, incurante del tempo e di quello che c’è.  La poesia non chiede ospitalità, la offre da sé.
Anche quando sembra arrivare da lontano, smarrita e confusa, scalza e affamata, è lei che nutre e lava, mette le toppe al mondo, cuce le ferite e risana.

(Giancarlo Stoccoro, Il negozio degli affetti, Gattomerlino/Superstripes, Roma 2014)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *