Poesie inedite di Paolo Parrini

 

E se stasera dormissi

prima del tuo ritorno lascia

la luce accesa per le scale

e un piatto di minestra.

E se non ti sentissi lasciami

dormire, coricati in silenzio.

Un deserto di ghiaccio e parole

chiuse in un cortile la vita.

E tremo se penso che potremmo

perderci così, nel sonno,

senza aver stretto le mani.

 

____________________

 

 

Siamo un niente fatto tutto

Quel lucore del mattino

Volto a neve bianca

Il volto cereo che rammenta il nulla

Nei lumi della sera.

 

____________________

 

 

Nei segni più scuri

graffiati dalle grida

rammendare vorrei le mie

povere stoffe,

volgerne al cielo i colori smunti

poi attaccarci foglie verdi e refoli di vento.

Dentro ogni ferita da curare

un balsamo di pace e di perdono

quel silenzio gravido d’amore

un piccolo suono che diventa luce

e fiamma accesa.

 

___________________

 

 

Paolo Parrini nasce a Vinci (FI) nel 1964, si diploma in maturità scientifica nel 1983 e si laurea in Scienze Politiche all’Istituto universitario “Cesare Alfieri” di Firenze. Da sempre ama leggere e scrivere: i libri sono stati e sono la sua compagnia in tutti i momenti, belli e meno belli, della sua vita. Ha esordito con le poesie giovanili raccolte in Di vita, di solitudine e d’amore (2016) edito da Pagine. Con Aletti ha pubblicato Di luce e d‘ombra (2016) e Tra la terra e il cielo (2018), con La Vita Felice Oltre il buio della notte (2019), con Ladolfi Quando cadranno i giorni (2019) (questi ultimi due con la prefazione di Renato Minore). Sempre nel 2020 con Ladolfi ha pubblicato Un uomo tra gli uomini. Nell’aprile del 2021 è uscito per Puntoacapo il nuovo libro, Dentro tutte le cose c’è amore.
Ha ottenuto premi e menzioni in vari concorsi, come a Camaiore nel 2019 e nel 2020 a latina nel 2019 e nel 2020, a Grottammare nel 2020.

 

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.