Sonetes di Giovanni Tesio

Un sonetto di Giovanni Tesio, autentico portavoce dell’Es

Sto strass ëd l’Es ch’a sta lagiù stërmà
am ciama minca tan con sò tambuss
e am parla da gamin, da scarpentà
për di-me che la vita a l’é pa ‘n fus.

E mi lo scoto e i-j deurvo cost mè uss
che chiel anfila come na fusëtta,
come na  ciòca a son-a soa baudëtta
e mi ‘m sento forà da sent përtus.

L’é chiel ch’a sofia fòra le paròle
che mi dësnò riusrìa nen a dì:
nen mi parlé ma chiel parle-me a mi.

A l’é ‘l mistere ‘d lòn ch’as dis da chiel
e a va dal catafus a toché ‘l cel.
Përchè ‘n tël sò giardin përfumo ‘l fròle.

Traduzione

Questo straccio di Es che sta laggiù nascosto/ mi chiama ogni tanto con il suo batacchio/ e mi parla da monello, da scapigliato/ per dirmi che la vita non è mica un fuso.// E io lo ascolto e gli apro questo mio uscio/ che lui infila come una saetta,/ come una campana suona il suo suono festivo/ e io mi sento bucato da cento buchi.// È lui che soffia fuori le parole/ che io altrimenti non riuscirei a dire:/ non io a parlare ma lui parlare a me.// È il mistero di ciò che si dice da sé/ e va dalla prigione fino al cielo./ Perché nel suo giardino profumano le fragole.

Giovanni Tesio (26 settembre 2017)

Una risposta a “Sonetes di Giovanni Tesio”

  1. Ed ecco nel sonetto l’Es fanciullo con le sue intemperanze e agguati.
    L’Es che irrompe, che ci vive e ci muove. L’Es che ci fa mancare gli atti
    o che ci mette in bocca, in modo subdolo, parole.
    Dunque l’Es manovratore e regista. L’ Es della conoscenza, dell’ arte, della poesia.
    Aprire l’ uscio all’ Es equivale a scoprire il mistero che conduce
    dalla cecità alla vista,
    dalla prigione al cielo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *